Inler, parla l’agente: “Gokhan vuole vincere lo scudetto”

Nella trasmissione “Si gonfia la rete”, andata in onda su Radio Crc, è intervenuto Dino Lamberti, procuratore di Gokhan Inler. “Finalmente Inler, contro il Cagliari, ha segnato uno dei suoi gol. La gioia del gol, però, non ha reso contento fin in fondo Gokhan che avrebbe voluto la vittoria. Il Napoli ha un organico che non ha nulla da invidiare a quello della Juventus, ma ciò che manca agli azzurri rispetto alle prime due in classifica, è proprio la capacità di vincere queste partite. Non entro nel tecnico, non so come Benitez schieri i propri calciatori. Gokhan non era felice dopo la partita col Cagliari e non era il solo. Ma posso garantire che il Napoli è una squadra che vince e perde insieme, nel collettivo.

Inler, comunque, al di là di questo match, è contentissimo nel Napoli, vorrebbe vincere anche lo scudetto in azzurro. Mi dice sempre che le emozioni che si vivono al San Paolo non si possono comprare ed è per questo che vuole vivere grandi successi in questa piazza. Ha ancora un anno e mezzo di contratto nel Napoli, ma non decidiamo da soli, bisogna tener conto anche della volontà della società azzurra. Via a gennaio? C’erano molte squadre interessate a Gokhan quest’estate ma il ragazzo non ha voluto lasciare Napoli per cui ha piacere di restare in azzurro. Le squadre che lo hanno cercato hanno poi acquistato altri calciatori in quel ruolo che stanno rendendo bene. Inler è il capitano della nazionale svizzera e se il Napoli decidesse di non volerlo più, troveremo un’altra soluzione. Shaqiri? Credo possa fare bene nel Napoli e nel modulo di Benitez. Non so se sia stata avviata una trattativa, posso dire che Shaqiri ha una gran voglia di giocare con continuità. E’ reduce da un grandissimo mondiale e ha tutte le carte in regola per giocare in top team come il Napoli”.

 

Articolo precedenteGianluca Di Marzio: “Il Napoli è vicino ad un esterno italiano, Higuain ha bisogno di un attaccante veloce al suo fianco”
Articolo successivoAlemão: “Al Napoli manca il salto di qualità”