Chi è lo sportivo più pagato al mondo? Nessun italiano tra i primi 100 più ricchi…

Tempo di classifiche, secondo Forbes la rivista statunitense di economia e finanza fa i conti nelle tasche dei “paperoni” del pianeta. Questa volta tocca agli sportivi: chi è il più pagato al mondo?

Nella speciale classifica, al primo posto c’è il pugile d’oro: Floyd Mayweather. E’ lui l’atleta più pagato al mondo nel 2014, lo statunitense comanda guadagnando 105 milioni di dollari.
Il “paperone” dell’anno è considerato il miglior pugile del mondo ‘pound per pound’, ha capitalizzato l’enorme successo del match disputato a settembre 2013 con Canelo Gonzalez: l’incontro ha incassato 150 milioni dalla pay per view, stabilendo un nuovo primato, e ha raccolto altri 20 milioni di dollari al botteghino.

Alle spalle del leader, si accomoda Cristiano Ronaldo. La stella portoghese del Real Madrid può contare su 80 milioni di dollari (52 da ingaggio e premi, 28 da sponsor).

Terzo posto, con ‘soli’ 72,3 milioni di dollari, per LeBron James. La star Nba, appena tornata ai Cleveland Cavaliers dopo il quadriennio ai Miami Heat, per ora ha un ingaggio da 19,3 milioni e ha accordi commerciali da 53 milioni.

Ai piedi del podio si sistema Leo Messi, numero 10 del Barcellona, con 64,7 milioni.

La top ten è completata da Kobe Bryant (61,5 milioni), Tiger Woods, 61,2), Roger Federer (56,2), Phil Mickelson (53,2), Rafa Nadal (44,5) e Matt Ryan (43,8).

Per trovare un nome legato in qualche modo all’Italia bisogna scendere al 21° posto occupato da Fernando Alonso. Il pilota spagnolo della Ferrari, destinato a lasciare la rossa al termine della stagione, vale 31 milioni di dollari (29 di ingaggio, 2 di ‘endorsments’).
Il tedesco Sebastian Vettel, che rimpiazzerà l’australiano al volante della rossa, è 83° con 19 milioni: 18 pagati dalla scuderia Red Bull e 1 garantito dalle partnership commerciali.

 

Articolo precedenteNapoli-Young Boys, si prevede un San Paolo deserto
Articolo successivoPierluigi Pardo: “Napoli, la testa conta più delle gambe. Ecco cosa mi preoccupa di più del turnover di stasera…”