RILEGGI IL LIVE – La dedica a Milik, la critica alla Uefa e alle Nazionali, Callejon prima punta: Sarri e Jorginho nella conferenza alla vigilia del match di Champions

16.00 – “Reina sta facendo benissimo. A Ferrara si è trovato in una situazione difficilissima, ha preso un gol che ci può stare. La barriera non gli ha consentito di vedere la palla partire, lui si era posizionato prevedendo una conclusione sul secondo palo”.

15.59 – “Quello del Turnover mancato è uno dei luoghi comuni sulla nostra squadra. Lo dimostrano le sei formazioni diverse in sei partite, così come il basso minutaggio che grava anche su molti di quelli che hanno giocato di più”.

15.56 – “Callejon come prima punta è molto affidabile. Lo ha dimostrato negli ultimi minuti a Ferrara. E’ in grado di gestire il pallone, si è procurato diversi falli preziosissimi. Ounas può essere impiegato allo stesso modo, ma per il momento non lo reputo ancora inserito al meglio nei nostri schemi”.

15.55 – “Io non ho venduto o trattenuto nessuno in attacco. La colpa è anche della Uefa che limita la lista a 21 elementi. L’infortunio di Milik era imponderabile. Se si fosse fatto male uno come Icardi o Higuain, l’Inter e la Juve avrebbero avuto le stesse problematiche che abbiamo noi ora”

15.53 – “Il Feyenoord è una squadra forte, quando attaccano sono pericolosi e domani ci creeranno problemi. Fondamentale sarà l’apporto del San Paolo”.

15.50 – “Faccio tanti auguri a Milik. Spero si rimetta presto. È sfortunato ma non dobbiamo piangerci addosso. E’ probabile che il suo infortunio sia colpa del terreno di gioco dello stadio di Ferrara. Si lavora troppo poco sul campo a questi livelli. Ora capisco perché molti allenatori parlano più di Calciomercato che di Calcio”

15.43 – Il centrocampista brasiliano passa il testimone a mister Sarri: “Il campionato a 18 squadre riduce il numero di partite, ma rischia anche di togliere sogni e speranze a molte squadre e potrebbe ridurre il numero di tifosi nel lungo periodo. Il problema risiede nelle nazionali, il calendario va riformato”.

15.35 – “Non sentiamo pressione per domani. Sarà una gara sicuramente difficile, ma siamo fiduciosi e convinti di far bene. L’infortunio di Milik non ci scoraggia per il proseguimento stagione. Non so se gioco domani. Dovete chiederlo al mister. Noi pensiamo all’avversario e a nient’altro.”

15.30  – Inizia Jorginho: “Non credo di aver raggiunto il massimo. Lavoro tanto per migliorarmi ancora. Dispiace molto per Milik, domani proveremo a vincere anche per lui. Noi cerchiamo di vincere attraverso il gioco, ma credo che prestazioni come quella contro la Spal dimostrino che noi abbiamo qualcosa in più”.

Conferenza stampa alla vigilia del match contro il Feyenoord per la SSC Napoli: presenti in sala stampa Jorginho e Sarri, che a breve risponderanno alle domande dei giornalisti.