Gattuso: “Ringrazio i miei ragazzi, partita decisa da episodi. Il campo non era perfetto. Cosa ho detto ad Insigne? Vi spiego”

Dopo la sconfitta del suo Napoli nella finale di Supercoppa Italiana contro la Juventus di Andrea Pirlo, il tecnico azzurro Gennaro Gattuso ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni della Rai. Di seguito le sue parole:

“Innanzitutto ringrazio i miei giocatori. Abbiamo giocato con un po’ di timore, ma la squadra ha reagito bene dopo il gol. Poi i rigori si possono sbagliare, ma vanno fatti grandi complimenti ai ragazzi anche se potevamo fare di più. Sapevamo però che era difficile”.

Cosa hai detto ad Insigne? Quando si perdono queste partite ci sta avere sfortuna, come successo anche sugli episodi di Lozano. Lorenzo non deve avere rammarico per il rigore, se abbiamo perso, abbiamo perso tutti insieme e non per colpa sua. Le due squadre si sono rispettate sul piano tattico, la Juve ha creato poco, noi abbiamo avuto la prima palla gol. Non è stata una partita tecnicamente perfetta da parte di entrambe. Loro cercavano sempre la verticalizzazione sfruttando la velocità degli attaccanti, alla fine è stata una partita vinta su episodi“.

Lo spirito della finale di Coppa italia e stato lo stesso? Sette mesi fa la partita e stata uguale, anzi abbiamo sofferto di più allora rispetto ad oggi. Stasera non ricordo azioni pericolose della Juve, noi siamo stati sfortunati sui calci piazzati. Quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto, quando si giocano le finali poi ci sono alcuni calciatori che sentono la partita più di altri. Voglio infine dire che oggi era difficile giocare su questo campo non in perfette condizioni, non è una scusa ma lo avete visto anche voi!”.