Galli: “Noi agenti tagliati fuori dalle discussioni sugli stipendi”

“Sono dell’idea che tutti gli agenti vadano coinvolti nelle discussioni in merito a tagli degli stupendi o la altre trattative. Non faccio polemica ma è la realtà,  Noi abbiamo già fatto un comunicato e lo abbiamo inviato ai presidenti della Lega. I presidenti si sono talmente uniti e pare che il problema fondamentale sia il taglio degli stipendi. Io penso che il problema in realtà sia capire se questo campionato terminerà oppure no ed infine calcolare i danni. Il sistema calcio dovrà essere sostenuto soprattutto da Fifa, Uefa e la Fifpro. I calciatori hanno già dato la loro disponibilità ad un contributo e nessuno e nessuno ha pensato di mettere in mora le società. Potevamo ragionare in maniera più calma”. Queste le parole di Beppe Galli, , presidente dell’ Aiacs (sindacato italiano dei procuratori sportivi), intervenuto oggi ai microfoni di Radio Marte.