Taglio degli stipendi, parla Pellissier: “Adesso non è il momento di discutere ma vi spiego perchè l’AIC non può accettare questa proposta”

La questione legata al rinvio delle partite per il Coronavirus resta ancora un puzzle irrisolto. In questi giorni inoltre, si sta valutando la possibilità di risanare parzialmente l’economia del calcio, tagliando gli stipendi dei calciatori. In merito a questa possibilità, si è espresso l’ex attaccante del Chievo ed ora responsabile del settore tecnico della stessa squadra di Verona, Sergio Pellissier. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di TMW Radio: “C’è bisogno che ci sia distinzione tra le categorie. Come tutti sapranno, i giocatori di Serie B non guadagnano come quelli di A.

Inoltre, va considerato il fatto che molti calciatori, investono parte dei loro risparmi in altre attività. Il Coronavirus ha colpito tutti, nessuno escluso. Per cui, questo tipo di proposta va valutata bene dall’AIC (Associazione Italiana Calciatori). Non credo che, al momento, i tagli agli stipendi dei calciatori sia una soluzione possibile in tutta franchezza. Adesso però, è difficile discutere di qualsiasi cosa e di qui a qualche settimana tutto può cambiare“.