Fedele ringrazia ed elogia: “Marek da 110 e lode, non basta ringraziarti, Ancelotti è un intenditore”

Queste sono le parole di Enrico Fedele, in merito alla partenza del capitano azzurro, Marek Hamsik: “Prima di tutto salutiamo e ringraziamo Marek per il suo addio al Napoli. Grazie per tutto quello che ha dato alla maglia azzurra dal giorno in cui è arrivato dal Brescia. Dispiace, dispiace molto, ma alla sua età merita di poter scegliere dove chiudere la sua carriera e incassare tanti, tantissimi milioni di euro: andrà a giocare in Cina nel Dalian gli auguriamo tutto il bene possibile. Do per scontato la sua partenza dopo aver ascoltato le dichiarazioni nel dopo partita di Ancelotti. Centodieci e lode ad Hamsik e dieci al mister, dopo lo zero meritatissimo di Milano. Dieci soprattutto perché ha dato fiducia a Insigne quando tutti alla vigilia lo volevano in panchina. Ma gli allenatori che sono stati grandi giocatori, come il buon Carletto, sanno come recuperare un calciatore nei momenti difficili”.

”Lorenzo è stato certamente tra i protagonisti della netta vittoria sulla Sampdoria. Ha fatto dimenticare i tanti rimpianti degli ultimi tempi come le eliminazioni dalla Champions e dalla Coppa Italia, e l’addio alla lotta per lo scudetto e aggiungiamo l’ultimo saluto di Hamsik ai tifosi del Napoli. Ieri sera ho visto il trionfo dell’intelligenza tattica degli azzurri che hanno sfruttato ottimamente le ripartenze contro l’ostinazione e lo schieramento suicida a rombo di Giampaolo, degno erede di Maurizio Sarri. La partita si è sviluppata proprio come l’avevo anticipata ad Antonio Corbo alla viglia, conoscendo il tecnico della Samp che è un testardo e non cambia le carte in tavolo nemmeno se lo minacci con una pistola. Ha la presunzione di far dipingere su tela degli ottimi imbianchini e con il suo rombo ha lasciato al Napoli piena libertà sulle fasce, dove hanno spadroneggiato Mario Rui a sinistra e Callejon a destra sotto la brillante regia di capitan Hamsik e la giornata di grande vena di Zielinski”.

“Nel primo tempo devo dire che ho ammirato con tanta rabbia quella squadra che si esalta contro i più deboli e si imbriglia al confronto con formazioni più quotate. Ecco il difetti di questo Napoli che in futuro per diventare imbattibile ha bisogno dell’inserimento di un paio di giocatori di levatura internazionale. Il messaggio è per il presidente De Laurentiis”.

Articolo precedenteClamoroso attacco Curva Nord a Koulibaly: “E’ un piccolo uomo!”
Articolo successivoInter – Bologna 0-1: è tracollo dei nerazzurri contro Santander che non transige