Pioli ai microfoni Rai: “Complimenti a tutta la squadra, già in estate capii di aver in mano una squadra con qualità. Napoli? Siamo due squadre molto simili ma a differenza degli azzurri….”

E’ la Lazio di Stefano Pioli ad ottenere il pass per la finale di Coppa Italia, espugnato il San Paolo di Napoli per 1 rete a 0: la squadra capitolina contenderà la Coppa nazionale alla Juventus di Allegri. Il tecnico biancoceleste, intervenuto al termine della gara ai microfoni della Rai, ha commentato così la grande annata della sua squadra e l’importante traguardo raggiunto:

“Voglio elogiare la prestazione di tutta la squadra, siamo stati bravissimi a soffrire e a rimanere in partita fino alla fine, vincere qui al San Paolo contro una grande squadra come il Napoli non era per niente facile, sono molto soddisfatto dei miei giocatori. Come dissi ieri in conferenza questi ragazzi meritano la finale, abbiamo fatto un percorso lungo e complicato, abbiamo vinto partite difficili come contro la Juventus e il Milan e siamo contentissimi di aver regalato questa grande gioia ai nostri tifosi. Ora testa al campionato per continuare la striscia di risultati positivi. La sostituzione di Candreva con Lulic? Ho tanti giocatori tra cui scegliere, in base alle caratteristiche del Napoli avevo deciso di cominciare con un centrocampo più basso per poi rischiare nel secondo tempo a spazi più aperti, trovo giusto utilizzare tutti i giocatori a disposizione. Salto di qualità? Sin dall’inizio ho avuto grande rispetto dei tifosi e loro ne hanno avuto nei miei confronti, nonostante il mio nome non fosse altisonante. Fin dal ritiro estivo sapevo di aver in mano una squadra con grandi qualità, e ne ho avuto la certezza al ritorno dei 6-7 ragazzi impegnati nel mondiale. Ho un gruppo di professionisti che lavorano duramente ed è così che si arriva lontano. Per adesso non abbiamo ancora vinto niente, ci fa piacere ricevere i complimenti per il gran momento che stiamo vivendo ma adesso dobbiamo subito pensare a preparare le prossime partite. Napoli? E’ una grande squadre, difficilissima da affrontare: nonostante stia avendo delle difficoltà in campionato è sempre un avversario temibile. Ho sempre detto che Napoli e Lazio sono due squadre molto simili, hanno entrambe giocatori importanti ma gli azzurri vengono da un progetto molto più lungo, hanno già ottenuto diversi trionfi e fatto esperienze europee. Noi siamo ancora all’inizio del nostro percorso ma abbiamo giocatori fantastici ed è questo lo spirito giusto per fare la differenza. Secondo posto? E’ normale cercare di superare chi ci sta avanti ma dobbiamo pensare sempre una partita alla volta”.

Articolo precedenteMa il progetto Napoli esiste (ancora)?
Articolo successivoBenitez: “Siamo tutti arrabbiati, la squadre meritava di più. Non siamo riusciti a segnare con 7 palle gol nette. Dopo la Fiorentina novità sul rinnovo”