Pampa Sosa: “Con certi campioni in rosa i ritiri punitivi non servono. Il mio ricordo più bello a Napoli…”

Mister Pampa, dal campo alla panchina, con intermezzo di opinionista in tv. Quale sarà la sua direzione definitiva? “Voglio fare l’allenatore per i prossimi trent’anni. Adesso sto cominciando, ma già sapevo che la cosa mi avrebbe preso completamente. Già da quando scendevo in campo. E poi commentando tantissime partite e quindi guardandole da tutte le angolazioni. Ecco, direi che fare l’opinionista ha rafforzato in me la convinzione di allenare”
A Sorrento per la sua prima esperienza, come la sta vivendo? “Devo anzitutto ringraziare Pierpaolo Marino, che mi ha dato tantissimo lungo tutto l’arco della mia carriera. Una persona splendida. Grazie a lui ho trovato questa prima opportunità: come in altre occasioni mi è arrivata una sua telefonata, chiedendomi di affiancare alla conduzione tecnica il figlio Ernesto, attuale ds”
Com’è allenare? Stimolante, adrenalinico, come quando giocavo. Più passa il tempo e più mi accorgo che non ne potrei più fare a meno. Anzi, le dirò, l’ho sempre sognato a occhi chiusi”
Sul momento della sua squadra? “Siamo a centro classifica, appena usciti dalla zona pericolosa dei playout e per prima cosa stiamo pensando a salvarci. A Sorrento mi trovo benissimo, e darò tutto me stesso per sfruttare al meglio questa occasione. Chi mi conosce sa che non mi accontento mai. Voglio e devo arrivare ad allenare in serie A”
Ha adottato lo stesso 4-2-3-1 di Benitez, giusto? “E’ un modulo che mi piace, mi piace l’idea che ne scaturisce. Che è quella di attaccare in forze, in quattro e più. Però il mio 4-2-3-1 è solo un modo per partire, poi si trasforma: diventa 4-4-2, oppure 4-5-1 e anche 4-3-3. A seconda del risultato e degli avversari, e per la mia idea di calcio i trequartisti devono scalare a centrocampo continuamente, devono rientrare per dare una mano oltre a sostenere la punta. Diciamo che adotto tanti moduli, mentre il Napoli non varia tanto”.
Con gli azzurri ha iniziato comprando tutto il necessario nel negozio di articoli sportivi, che ricordi ha?Indelebili, perché ho visto il Napoli rinascere. In principio eravamo io, Montervino e Montesanto, e davvero non avevamo nemmeno i palloni. Ma sono state quattro stagioni indimenticabili, Napoli è parte di me. E i tifosi mi hanno sempre ripagato, anche nei momenti più delicati”
Quale di questi momenti ricorda brucia ancora? “Di sicuro i play-off falliti contro l’Avellino, riuscendo pure a fare un gol. Ma a conti fatti amaro”
Quello più bello, invece? “Non ho dubbi. Al Frosinone, al San Paolo, con ancora il 10 di Maradona sulle spalle, davanti a 50mila spettatori. Una cosa talmente bella da commuovermi ancora adesso”
Di quei tempi chi sente ancora? “Spesso parlo con Paolo Cannavaro, Fabio Gatti e Cristian Bucchi, a loro sono rimasto legatissimo. Dei più recenti Gargano e Hamsik”
Il Napoli è in un momento-no, secondo lei si doveva prolungare il ritiro per qualche altro giorno? “Per come la penso, i ritiri sono costruttivi quando la squadra ha bisogno di ritrovarsi, guardandosi negli occhi. Ne ho fatti tanti, a partire da Udine, e poi con Ventura e Reja. Alcuni sono durati anche settimane intere. Sono a favore, ma non so fino a che punto possano giovare e cambiare il corso delle cose quando hai in squadra gente come Higuain, Callejon, Hamsik, Albiol. Penso perciò che a questo Napoli i ritiri non servano”
In quale degli azzurri si rivede? “Semmai, chi di loro potrebbe rivedersi in me? Scherzi a parte, io avevo l’ormai famosa cazzimma, che adesso manca del tutto”
Higuain è tornato in sordina… “Higuain vive il momento del Napoli, che coinvolge tutta la squadra, lo stesso Hamsik. Ma presto arriveranno giorni migliori, ci scommetto. Azzurri terzi alla fine, non ho dubbi”
E la Supercoppa? “Incrociamo le dita”.
Fonte: Corriere dello Sport