PRIMAVERA – Meli e Dutu acciuffano il pareggio. Secondo tempo amaro per i ragazzi di Baronio, ma si può sorridere!

Inizia il secondo tempo di Napoli-Fiorentina. Si riparte dal 2-0 del primo tempo che ha sancito la netta superiorità degli azzurrini sui pari età della Fiorentina. Giocate di classe, reti e fantasia in zona offensiva hanno permesso ai ragazzi di Baronio di guadagnarsi un rassicurante doppio vantaggio.

Cambia la frazione di gioco, ma non il copione: al 2′ Gaetano, dopo aver fraseggiato con Zanon, prova un tiro potente di destro. La traiettoria si spegne alta sulla traversa, ma gli azzurrini sono rientrati in campo con la stessa mentalità del primo tempo.

Al 52′ Zanoli mette una pezza sul cross insidioso di Nannelli e sventa il pericolo viola. Passa un minuto e Zedadka si incunea nell’area di rigore avversaria al termine di una progressione da 60 metri. Arrivato stanco in prossimità della porta viola, l’esterno azzurro ha concluso con un sinistro debole. Da segnalare la forza di volontà e la buona tecnica messa in atto dal numero 3 di Baronio.

Ma la Fiorentina accorcia le distanze: al quarto d’ora Dutu spizza di testa e batte un incolpevole Idasiak. Disattenzione difensiva degli azzurrini che arriva in un momento delicato del match. La squadra di Baronio, infatti, stava arrancando e faticava a bloccare le sortite offensive dei viola. Dopo un paio di minuti l’arbitro concede un rigore generoso alla Fiorentina a causa di un intervento giudicato falloso di Palmieri. Sul dischetto si presenta Meli che batte il portiere polacco del Napoli. Dagli undici metri Idasiak è riuscito a battezzare l’angolo, ma il rigore di Meli è stato preciso e basso. Uno-due terrificante dei viola che acciuffano un pareggio incredibile. Tuttavia anche la scarsa attenzione dei ragazzi di Baronio ha influito molto ed ha permesso agli ospiti di riottenere la parità.

Al 66′ girandola di cambi per Baronio: escono Zanon, Manzi e Sgarbi per Mezzoni, Perini e Saporetti. Urge una reazione d’orgoglio ed i subentrati sono chiamati a suonare la carica. Nel frattempo tra le fila dei viola Gorgos e Longo subentrano a Lakti e Kurovec.

Timidi i tentativi del Napoli, che ha accusato il colpo del pareggio inaspettato. Al 74′ Gaetano calcia una punizione da sinistra troppo centrale per impensierire Chiorra, mentre dall’altra parte del campo Gillerens sfiora il capolavoro. Il regista viola calcia di collo pieno un calcio piazzato centrale dai 30 metri e colpisce la traversa piena. Fortunato Idasiak a ritrovarsi la palla, poi smanacciata, tra le mani. Entrano anche Simic e Ponsi per Meli e Pierozzi E. Ora i viola ci credono e continuano a spingere cavalcando le ali dell’entusiasmo.

Si intensifica la manovra offensiva degli ospiti: all’80’ Simic, innescato splendidamente da un lancio alle spalle della difesa di Gillerens, calcia fuori a due passi da Idasiak. Napoli graziato, ma mancano ancora dieci minuti. Il duo Gaetano-Palmieri tenta di risollevare le sorti degli azzurrini, ma senza i risultati sperati. Labriola e Casella le ultime mosse di Baronio. Escono uno stremato Zedadka e Lovisa. Al 89′ un generoso Nannelli lascia il posto a Fiorini.

Vengono assegnati solo tre minuti di recupero, ma dal pareggio viola entrambe le squadre non hanno fatto vedere molto. Nel primo minuto di recupero Chiorra rischia tantissimo su Gaetano che però non riesce a sfruttare la disattenzione dell’estremo difensore viola. Termina 2-2 l’ultima gare casalinga del Napoli. Tanto rammarico per i ragazzi di Baronio che salgono a quota 37 punti. Bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno e pensare che l’obiettivo salvezza è stato raggiunto, anche prima di scendere in campo oggi.

Non resta che concludere al meglio la stagione nell’uscita esterna contro la Juventus che chiuderà l’annata. Un plauso a tutti i giocatori ed a Roberto Baronio, allenatore esemplare e dal grande spessore umano. La redazione di Mondo Napoli ringrazia anche l’impianto sportivo “P. Ianniello” di Frattamaggiore per aver ospitato le partite casalinghe del Napoli Primavera.

Mondo Napoli vi dà appuntamento alla prossima stagione, sperando di poter raccontare le imprese degli azzurrini!