Leo Skiri Ostigard: un norvegese per il Napoli, scopriamolo!

Instagram - leoskirio - 21 agosto 2021

Il mercato è ormai entrato nella sua fase calda. Finora, per il Napoli più rumors che effettivi movimenti. Ora però il difensore Leo Ostigard è ufficialmente un calciatore azzurro. Il 22enne norvegese arriva per ricoprire il ruolo di quarto centrale, ovvero un’alternativa ai suoi colleghi Rrahmani, Juan Jesus e colui che arriverà al posto di Koulibaly. Ma chi è Ostigard?

Leo Skiri Ostigard nasce il 28 novembre 1999 in una piccola città in Norvegia. Si avvicina subito al calcio, giocando nella squadra del suo paese natale. Poi però, si trasferisce nella vicina Molde, dove trova un ambiente più grande e professionale. Trascorre 4 mesi in prestito al Viking Stavanger con l’obiettivo di avere più minutaggio ed è qui che per la prima volta si notano le sue capacità. La svolta della sua carriera arriva quando nell’estate del 2018 il Brighton mette le mani su di lui. In realtà, con i seagulls Leo non fa nessuna apparizione con la squadra maggiore. Colleziona però 13 presenze con l’Under 23 segnando 2 gol. Dopo solo un anno comincia una serie infinita di prestiti. Prima in seconda divisione tedesca al St. Pauli, poi al Coventry in Championship. La sua ultima esperienza inglese è allo Stoke, dove trascorre solo 6 mesi.

Tra gennaio e maggio della passata stagione, Ostigard gioca al Genoa. Tuttavia, il Brighton è ancora il proprietario del suo cartellino. In rossoblù gioca 15 partite segnando anche un gol in Coppa Italia contro il Milan. In questa occasione entra nei radar del Napoli, e Giuntoli lo mette subito nel mirino. Conta anche 5 presenze in nazionale maggiore, oltre alle tante collezionate nelle giovanili norvegesi. È un difensore che fa del fisico la sua caratteristica principale. Sovrastante nei duelli aerei e bravo nell’impostazione. La velocità rappresenta la sua pecca; in una difesa che gioca molto alta come quella del Napoli, questo fattore potrebbe influenzare in negativo le sue prestazioni. D’altro canto, il norvegese è pressoché perfetto nell’uno contro uno dove fa valere la sua stazza e il suo tempismo negli interventi. Vista la sua giovane età (classe ’99), comprandolo, il Napoli ha effettuato un investimento per il futuro.

Articolo precedenteSchira: “Al Napoli è pronto Simeone per sostituire Petagna! Vi svelo cifre e dettagli dell’affare”
Articolo successivoSconcerti: “Dybala-Roma grande affare! Potrebbe pagare le spese il Napoli, vi spiego”