Palleggio o verticalità, c’è un Napoli per tutto

C’è un Napoli per tutto. Per la ricerca del palleggio o della verticalità. A mister Gattuso il compito di mandare in campo gli interpreti giusti in base all’avversario. Atalanta e Bologna non hanno snaturato il loro gioco prettamente offensivo ed i velocisti del Napoli (Osimhen e Lozano) ne hanno approfittato, prendendosi gli spazi a disposizione. Az, Sassuolo e Rijeka, invece, hanno messo in atto una disposizione difensiva più organizzata e complicato la vita alle frecce azzurre. C’è un Napoli per ogni avversario. Ecco due possibili 11 da mandare in campo: il primo, per una squadra volta al palleggio, contro le difese chiuse. La seconda, alla ricerca della verticalità, per sfruttare gli spazi a disposizione.

Per il palleggio: (4-2-3-1) – Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj/Mario Rui; Fabian, Bakayoko; POLITANO, ZIELINSKI, Insigne; MERTENS.

Per la profondità: (4-2-3-1) – Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj/Mario Rui; Fabian, Bakayoko; LOZANO, MERTENS, Insigne; OSIMHEN.