Gazzetta – La rinascita di Lozano, da scarto a titolare: riecco il ghigno del Chucky

Estate tempo di mercato. Un anno fa, era fine agosto, Hirving Lozano sbarca in Italia e con lui i napoletani sognano lo scudetto. Strada facendo il messicano si è perso fra problemi di inserimento, equivoci tattici e una squadra che non l’ha aiutato. Da un’estate all’altra ecco però la rinascita. Dopo il lockdown la scossa, l’orgoglio e riecco il ghigno del Chucky riconosciuto da milioni di messicani increduli sulle sorti del loro adorato “puntero”.

Il gol di Verona, alla ripresa del campionato in giugno, lo sblocca. Poi arriva un pizzico di continuità, più che altro da esterno destro. Comincia a sentire la fiducia di Gattuso e capisce che in Italia, per ricoprire quel ruolo, devi imparare anche a correre indietro a migliorare nella fase difensiva. Nel ritiro di Castel di Sangro, Lozano fa bene anche la seconda fase. Mostra voglia e cambia il suo approccio. Tanto che a Parma diventa titolare nel ruolo, sorpassando la concorrenza di Politano. Da crac a scarto doveva esserci una via di mezzo e Hirving ha saputo imboccarla con intelligenza seguendo i consigli del tecnico. Non sarà mai Callejon, per caratteristiche, ma in quel ruolo può dare un contributo importante. E si è visto domenica scorsa a Parma. Le sue accelerate a destra, il suo continuo puntare l’uomo, alla fine hanno scardinato la difesa emiliana. Non è un caso che entrambi i gol segnati dal Napoli nella prima vittoria in campionato partano dai suoi piedi: un cross e un tiro. In un mercato bloccato e senza soldi vuoi vedere che Lozano diventa il miglior acquisto?

Editoriale a cura di Maurizio Nicita (Gazzetta dello Sport)