Napoli-Spal, quando il San Paolo conobbe Meret

Domani alle 19:30 il Napoli scenderà in campo al San Paolo contro la Spal nella 28esima giornata di Serie A. Dopo la rimonta dell’Atalanta ai danni della Lazio gli azzurri hanno perso la possibilità di accorciare sul quarto posto. Ma nonostante ciò hanno il dovere di provare fino alla fine a qualificarsi per la prossima Champions League.

In occasione della sfida vogliamo ricordare un precedente in particolare, ossia la partita andata in scena nello scorso campionato. Un match vinto di misura dalla squadra di Carlo Ancelotti, anche grazie ad un calciatore, Alex Meret. Il portiere azzurro è arrivato a Napoli l’estate prima ma il suo debutto viene rimandato di molte partite a causa di un infortunio al braccio. Dopo l’esordio nel match stravinto al San Paolo per 4-0 contro il Frosinone, l’ex portiere dell’Udinese viene impiegato nuovamente in casa, stavolta contro la Spal.

Nel primo tempo i partenopei creano diverse occasioni ma senza riuscire a trovare la via della rete. Allo scadere del primo tempo un calcio d’angolo battuto da Mertens trova il colpo di testa di Raul Albiol che realizza il suo primo gol in campionato e porta in vantaggio i suoi.

Nella ripresa gli azzurri continuano a rendersi pericolosi ma sprecano molto. Le occasioni più clamorose capitano a Koulibaly che sbaglia di testa sotto porta e a Mertens che dopo una triangolazione con Insigne salta il portiere avversario ma si riduce troppo l’angolo di tiro andando a colpire il palo. A questo punto è la Spal a venir fuori. Una verticalizzazione precisa di Fares coglie di sorpresa la difesa del Napoli e trova Paloschi che solo davanti a Meret gli calcia il pallone addosso.

Si arriva così nei minuti di recupero. Gli ospiti si apprestano a battere un calcio d’angolo dalla sinistra. La palla viene crossata sul primo palo dove trova la spizzata di Fares. Il colpo di testa dell’algerino è ben angolato, ma Alex Meret si tuffa ed effettua una parata straordinaria, togliendo di fatto la sfera dalla porta.

Con questo salvataggio i tifosi del San Paolo iniziano a rendersi conto delle potenzialità del portiere acquistato per 26 milioni di euro dall’Udinese. Ad oggi sappiamo tutti della forte concorrenza con David Ospina che non gli permette di essere il titolare indiscusso tra i pali. Nonostante la maggiore affidabilità del colombiano per quanto riguarda il gioco con i piedi, ogni qualvolta che Meret viene chiamato in causa non delude mai. Lo si è visto specialmente nella finale di Coppa Italia contro la Juventus, nonostante non giocasse da febbraio. Domani contro i ferraresi dovrebbe partire dal primo minuto, un’altra occasione dunque per dimostrare a Gattuso di poter essere il titolare fisso nel Napoli, magari dalla prossima stagione in vista di una possibile cessione del colombiano.