Il Napoli si muove sul mercato, e se un rinforzo lo avesse già in casa?

In un periodo come questo in cui il calcio è fermo si sta iniziando a pensare anche al calciomercato. Un calciomercato che molto probabilmente sarà diverso dal solito. Viste infatti le difficoltà economiche provocate dall’emergenza sanitaria, molte squadre potrebbero operare con soluzioni alternative alle semplici offerte in denaro per acquistare i calciatori. I prezzi si abbassano, e dunque si prevedono più scambi del solito. Ma non è detto che una squadra non possa averlo in casa il giocatore che sta cercando. Naturalmente stiamo parlando dei giocatori in prestito che potrebbero essere richiamati e confermati nei club che ne detengono il cartellino.

Il Napoli per esempio ha diversi calciatori in prestito, quasi tutti giovani, che potrebbero anche venire a giocare come riserve nella prossima stagione.

Primo su tutti Gianluca Gaetano, classe 2000 passato alla Cremonese a gennaio e che a fine stagione rientrerà a Napoli. Gaetano con la prima squadra giocò soltanto le amichevoli estive e per il resto non ha mai trovato spazio con il Napoli. Quindi si decise di mandarlo in Serie B in modo che potesse crescere col tempo. Nonostante nasca come trequartista, Gaetano nel pre-campionato ha giocato prevalentemente come centrocampista centrale, ruolo in cui ha dimostrato di avere un’ottima visione di gioco. Ma non vanno dimenticati comunque i tanti gol realizzati da attaccante con le giovanili del Napoli. Nelle prime apparizioni con la Cremonese ha fatto capire di avere effettivamente del talento. Se la società partenopea dovesse confermarlo avrebbe a disposizione per la panchina un calciatore in grado di ricoprire più ruoli. Tra l’altro da parte sua ci sarebbe anche la volontà di rimettersi a disposizione(clicca qui per saperne di più).

Un altro giocatore che ora gioca in Serie B è Gennaro Tutino. Rispetto a Gaetano il 23enne napoletano non si è mai unito alla prima squadra. Tra il 2017 e il 2019 segnò molti gol in Serie B con il Cosenza tant’è che la scorsa estate l’Hellas Verona decise di acquistarlo per la Serie A. Ma Tutino con gli scaligeri ha visto il campo pochissime volte così a gennaio è passato nuovamente in B ma stavolta all’Empoli, di cui è titolare fisso con 3 gol all’attivo. Giocatore in grado di giocare come ala sinistra ma anche da seconda punta, potrebbe essere anche lui una buona alternativa per l’attacco azzurro.

Uno che invece ha avuto una buona esperienza nei massimi campionati è Adam Ounas. L’algerino ha giocato per due anni con il Napoli dimostrando di essere un’ottima ala destra ed era ormai pronto ad esplodere. Ma ciò non avvenne così l’estate scorsa fu mandato in prestito al Nizza con cui ha giocato 16 partite e segnato 2 gol. Un rendimento diverso da quello che ci si aspettava. In ogni caso, vista anche la quasi sicura partenza di Callejon, il Napoli potrebbe anche pensare di confermarlo per rinforzare la fascia destra.

Altri giocatori che hanno già giocato in azzurro sono Chiriches e Sepe, che di certo non sono più giovani ma che possono sempre tornare utili. Ci sarebbe anche un buon centrocampista come Alberto Grassi che con il Napoli non è mai sceso in campo. Ma su di lui il Parma detiene l’obbligo di riscatto così come per Sepe.

Ovviamente il Napoli ha molti altri giocatori in prestito tutti ancora giovani e con esperienze soltanto nei campionati minori. Si potrebbero citare Leandrinho, Machach e Palmiero, oppure Ciciretti e Filippo Costa, ma tutti hanno possibilità quasi nulle di trovare posto nella  squadra partenopea.

Ma è chiaro che anche gli altri giocatori che abbiamo citato in questo articolo potrebbero al massimo ottenere un ruolo di riserva nel Napoli. La squadra di De Laurentiis, nonostante le difficoltà a livello finanziario, per acquistare un calciatore titolare dovrà inevitabilmente affacciarsi sul mercato, magari operando qualche scambio.

Articolo precedenteCoronavirus, aggiornamento dell’Unità di Crisi della Regione Campania
Articolo successivoCoronavirus, il bollettino ufficiale: i dati di oggi 15 aprile