Napoli-Demme, un dualismo per tornare a vincere

Il giovane centrocampista sembra entusiasta della nuova maglia, complice l’innata passione che suo padre sembra avergli trasmesso per il Napoli. Demme ha più volte dichiarato d’essere già innamorato della città e “affascinato” da quei tifosi che il padre ironicamente ha definito “un po’ pazzi”. Non sappiamo ancora bene come il ragazzo possa riuscire in questo percorso, da ciò che si evince dalle sue personali statistiche il centrocampista tedesco sembra essere promettente, ma può essere visto il suo arrivo in squadra come buon collante nello spogliatoio oltre che un buon innesto a centrocampo? Molte squadre, spesso, necessitano di una figura che li faccia entrare in empatia con lo stadio ed i tifosi, che carichi gli animi e che creda veramente nel progetto. La piazza napoletana la conosciamo bene, sa essere molto calorosa, chi entra nelle sue grazie non riesce ad uscirne facilmente. Demme potrebbe essere quell’anello di ricongiunzione tra le parti? Abbiamo visto come Insigne abbia avuto nel tempo un andamento altalenante con i tifosi, che solo in queste ultime gare, anzi forse proprio solo in quest’ultimissima, sia riuscito ad riavvicinarsi ai tifosi napoletani, ripopolando lo stadio e facendo da dodicesimo uomo in campo, permettendo la qualificazione alla semifinale di Coppa Italia. L’entusiasmo è ciò che sicuramente aiuta in campo, l’affiatamento è la base necessaria da cui far ripartire una squadra che sembra essersi spenta. Il ragazzo ha dimostrato nella sua prima partita, con un’eccellente prestazione, di aver capito come Gattuso vuole che si giochi, ha tenuto bene la posizione ha recuperato molti palloni e ha dato continuità al centrocampo. Certo esaltarsi dopo una sola prestazione può sortire un effetto controproducente, ma dalla sfida contro la Lazio le considerazioni finali hanno portato, tutte o quasi, ad un’unica voce: stadio, tifosi, giocatori innamorati della maglia che giocano per onorarla al di là del risultato finale, fanno la vera ed unica differenza. Intanto per la prossima sfida contro la Juventus, il centrocampista tedesco sarà molto probabilmente in campo sin dai primi minuti, sfida quella con la squadra torinese che ha da sempre lasciato il segno, sarà la sfida che serve a Demme per capire, davvero, cosa significa indossare la maglia del Napoli.