IL PUNTO SUL CAMPIONATO – E’ cambiata la capolista ma adesso si entra nel vivo, sempre più agguerrita la lotta Champions

Dopo la ventottesima giornata di campionato e soprattutto dopo la sconvolgente scomparsa di Davide Astori che ci ha fatto tenere fermi per una settimana per lutto, torna a pieno regime la Serie A con fondamentali cambiamenti sia in lotta Scudetto che in lotta Champions. Due week end fa abbiamo assistito alla vittoria al novantesimo della Juventus contro la Lazio e poco dopo alla peggiore sconfitta in campionato (e forse nell’era Sarri) in campionato contro la Roma. Tuttavia fino a ieri mattina la capolista continuava ad essere il Napoli ma il successo della Juventus prima (contro l’Udinese) e il pareggio degli azzurri contro l’Inter poi, hanno fatto cambiare la primatista che adesso è la squadra di Massimiliano Allegri. La squadra di Maurizio Sarri che nel girone di andata aveva fatto un punto in due partite (sconfitta contro la Juventus e 0-0 contro la Fiorentina) e quindi non abbiamo ragione di credere che non si possa riprendere. Tuttavia bisogna vedere se fare il massimo per i partenopei basterà poiché la Juventus può andare a +4 vincendo in settimana contro l’Atalanta la partita di campionato da recuperare. Se i campani non crollano, il campionato resterà ancora vivo probabilmente fino all’ultima giornata considerando che c’è ancora lo scontro diretto, che la Juventus viene da 11 vittorie di fila (ed è difficile pensare che vinca anche tutte e 11 le partite che le mancano), che InterRoma Atalanta sono state già affrontate solo dal Napoli, e che i bianconeri tra Champions e finale di coppa Italia non passeranno settimane tranquille. Per quanto riguarda, invece, la lotta Champions: in ripresa la Roma che dopo la vittoria di Napoli ha anche schiantato 3-0 il Torino di Mazzarri e adesso è a +4 dalla quarta posizione dove attualmente risiede la Lazio che viene dalla sconfitta contro la Vecchia Signora e dal pareggio ottenuto all’ultimo minuto grazie ad una magia di Immobile arrivato ieri contro il Cagliari. L’Inter, invece, è l’unica delle 5 (assieme alla Juventus) a dover recuperare una partita (il derby di Milano) e nelle due ultime due settimane ha solo affrontato ieri sera il Napoli fermandolo sullo 0-0 con un’ottima prestazione soprattutto sul piano difensivo. Vincendo contro il Milan, i nerazzurri arriverebbero ad un punto dai giallo-rossi.

JUVENTUS – Allegri dopo la sconfitta contro la Sampdoria per 3-2 aveva detto che la miglior difesa avrebbe vinto il campionato, ha lavorato su questo e adesso la sua squadra (che nelle ultime tredici partite di campionato ha subito una sola rete contro il Verona) è tornata prima a più uno sulla seconda e con una partita in meno. C’è poco da rilassarsi, però, poiché adesso ci sono tante gare difficili e ravvicinate tra campionato, coppa Italia e quarti di finale di ChampionsProssima partita: martedì 14/3 Juventus-Atalanta ore 18. Prossimo turno: Spal-Juventus, sabato 17/3 ore 20:45. Gol fatti: 65 / Gol subiti: 15. Miglior difesa, miglior attacco del campionato e miglior differenza reti. Punti: 71 (con una partita in meno), posizione: 1

NAPOLI – Adesso per il Napoli è il momento della verità: se la squadra non molla e fa dieci vittorie su dieci (tra queste sfide le più complicate sono contro MilanSampdoria Juventus) come ha già fatto quest’anno ci sono ottime possibilità che porti il campionato a casa. Se invece ci sarà uno spirito generale di arrendevolezza tra i giocatori allora il campionato sarà chiuso tra poche settimane. Vedremo, intanto contro l’Inter si è tornata a vedere un’ottima difesa. Prossimo turno: Napoli-Genoa, domenica 18/3 ore 20:45. Gol fatti: 63 / Gol subiti: 19. Terzo miglior attacco e seconda miglior difesa. Punti 70, posizione: 2