Spalletti: “È stata una buona vittoria anche se si poteva fare meglio. I 50 punti sono un bel traguardo ma bisogna continuare così”

Il mister azzurro Luciano Spalletti è intervenuto in conferenza stampa alla fine del match vinto dai suoi ragazzi contro la Salernitana. Queste le sue parole:

Ci è parsa una presentazione da grande squadra

È vero che la gestione della partita è stata corretta, sono stati bravi ad avere questa impennata a fine primo tempo e andare all’intervallo 0-1. All’inizio siamo stati sotto ritmo, vero che abbiamo gestito bene la palla però di là ci siamo andati pochi volte, anche se loro avevano la linea bassa si può sempre trovare lo spazio, e quello lo abbiamo fatto meno bene rispetto alle altre volte. Poi si è passato in vantaggio e nel secondo tempo abbiamo fatto molto benr ma nel primo tempo si doveva fare di più. Riguardo i 50 punti è sintomo di qualità e di professionalità dei giocatori e sintomo di tante cose che la nostra città merita.

Ha sempre preso il Napoli di Sarri come punto di riferimento. Che effetto le fa questo risultato e questo punteggio

Avevamo bisogno di questa partita per dormire stanotte tranquilli. Nicola l’aveva preparata bene, non abbiamo creato molte occasione nel primo tempo, anche se la palla in alcuni momenti è andata forte di testa non ci siamo stati, con la testa per andare a creare la giocata chenon abbiamo creato la giocata che potesse mettere in difficoltà la Salernitana. I 50 punti ce li teniamo stretti e sono meritati, rispetto a quelli di Sarri sono 2 punti, una vittoria in più o in meno cambia poco, c’è da rimanere con i piedi per terra, sono due importanti percorsi, dobbiamo rimanere umili e tenere in esame ciò che succede per partire più forte la prossima volta.

Di Lorenzo ha dichiarato che la crescita è grazie a lei. È il suo portavoce

Di Lorenzo è il portavoce delle sue idee in campo e sarebbe stato capitano con chiunque e con chiunque avrebbe fatto questa campionato perché è una persona e un giocatore incredibile oltre che un grande professionista e se non ci hai a che fare non puoi capire tutte le sue qualità.Lo ringrazio per ciò che fa e perché mette le sue qualità a mia disposizione e anche ai suoi compagni che lo ringraziano sicuramente perché è il capitano che indica come seguire la strada e come ci si fa per seguirla

Come mai la squadra ha trovato difficoltà sulla linea a 4 della Salernitana e se all’ultimo c’è stato un calo

Delle difficoltà abbiamo un po’ parlato, facevamo girare la palla ma non ci faceva trovare spazio sulle linee viste che si schiacciavano e questo non ci faceva trovare gli spazi sulle linee. Non siamo stati bravi a trovare lo spazio e si è parcheggiato spesso sulla linea difensiva e giocare 15 o 16 persone in quello spazio è difficile anche se abbiamo fatto dei numeri di possesso palla importantissimi, poi ci è voluta la giocata nell’uno-due di Anguissa in cui Di Lorenzo è stato bravo a fare gol.

Una partita vinta di giustezza

50 punti sono tanti, però poi bisogna farne altri 50, quindi qualsiasi partita sarà sempre più difficile, perché ti aspettano e giocare contro di te crea stimoli. Dietro di noi ci sono squadre che possono trovare una serie di vittorie consecutive perché sono fortissime e noi dobbiamo sempre analizzare le gare bene e giocare nella maniera giusta perché la partita è una scatola di cose che va riempita. Stasera ne abbiamo messe tante di cose ma anche alcune cose che non ci sono state.

La squadra ha fatto 50 punti e gioca nello stesso modo in casa e in trasferta. Su Elmas

Se bisogna fare i complimenti a qualcuno oggi vanno a Meret, anche perché dopo 80 minuti senza fare niente sotto l’acqua e dopo una notte passata con la febbre e per i pochi allenamenti fatti in settimana perché non è stato bene fare quella parata è molto difficile e i complimenti vanno a lui. Poi vanno fatti anche ad Elmas i complimenti ma alcune volte perde più palloni di quanti dovrebbe per il volume che ha sul campo, ma anche lui è un ragazzo eccezionale.

Un commento su quello che potrebbe essere il campionato con la squalifica della Juventus

Non so dire cosa è successo perché non lo so, non avendo conoscenze in merito è giusto non parlarne. Poi ci sono molte altre squadre che possono insediarsi nella lotta Scudetto e per i primi posti. Ciò che dobbiamo fare è continuare a giocare come fatto fino ad ora e come sappiamo fare e dobbiamo mantenere questa professionalità e questo livello di gioco.

Articolo precedenteMeret a Dazn: “Felice per la stagione che sto disputando. Il campionato è ancora lungo…”
Articolo successivoSempre più Osimhen