Olivera a KKN: “Con Spalletti ho imparato tanto in poco tempo. Mario Rui? L’alternanza fa bene a entrambi”

fonte foto: profilo Instagram @mathiasolivera5

Mathias Olivera, terzino del Napoli, è stato intervistato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, nel corso della trasmissione Radio Goal,

“Bilancio della prima parte di stagione con il Napoli? Sono molto contento di come sto andando e del rendimento della squadra. Sto imparando tanto e continuo a farlo per migliorare sempre di più”.

“Differenze tra Serie A e Liga? Non ne ho viste molte, qua c’è molta più tattica e si gioca più il pallone. Mi sto adattando pian piano col minutaggio a come si gioca in Italia”.

“Il rapporto con Mario Rui? È molto buono, è un grande giocatore e grande persona. Questa alternanza fa bene sia a me che a lui e stiamo rendendo entrambi per la squadra”.

Spalletti? Grazie a lui ho imparato tanto in poco tempo. Mi parla molto e nel corso degli allenamenti mi fa capire cosa vuole in fase difensiva e cosa vuole vedere da me in campo”.

“La Champions League? È un sogno che si è avverato. Ho la possibilità di giocare in questa competizione, e visti i risultati raggiunti me la sto godendo al massimo”.

“Il Mondiale con l’Uruguay? Anche questo è un sogno da bambino che si avvera. Non vedo l’ora di difendere la mia Nazione e di prendere parte a questo Mondiale, perché si sogna di farlo da quando si è piccoli”.

“Hai parlato con degli uruguaiani che hanno giocato al Napoli come Cavani? Sì, in amichevole ho parlato con lui, che mi ha presentato club e squadra. Quando sono arrivato a Napoli ho relativamente parlato con lui, e quelle parole mi hanno aiutato tantissimo in questa mia avventura”.

Roma-Napoli? Dobbiamo continuare con il nostro cammino. Sarà una gara fisica e con molti duelli, ma dobbiamo essere abili a riproporre il calcio che stiamo mostrando”.

Articolo precedenteRepubblica – Napoli-Ajax, daspo per tre tifosi che hanno aggredito un supporter olandese
Articolo successivoDe Laurentiis: “In Serie A tanti club ci hanno chiesto di Cheddira”