RILEGGI LIVE MN – Spalletti in conferenza: “Io responsabile delle ultime sconfitte, domani 5 big non ci saranno! Manolas? Interverremo sul mercato”

Scontro diretto da non fallire domani a San Siro tra Milan e Napoli, con gli azzurri chiamati alla difficile impresa di soffiare i tre punti in casa ad una delle principali rivali per lo Scudetto, nonostante le assenze pesantisisme in casa partenopea. L’appuntamento è dalle 14:15 con la diretta testuale della conferenza stampa del mister Luciano Spalletti in diretta dal Konami Training Center di Castel Volturno. MondoNapoli.t vi accompagnerà nella diretta testuale e vi farà compagnia per tutto il tempo dell’evento.

14.20 – Comincia la conferenza stampa di Mister Spalletti

14.22 – Cosa ha detto ai giocatori per motivarli in questo crocevia importante per la stagione? “La dobbiamo smettere di attaccarci alle assenze e agli infortuni, quando ci sono questi momenti c’è bisogno di esempi da seguire, non di alibi. C’è bisogno di metterci il coraggio che ti da la possibilità di trovare delle soluzioni. Abbiamo una rosa profonda e domani col Milan avremo a disposizione 16-17 calciatori, un numero sufficiente per giocare contro chiunque. E’ chiaro che se vogliamo essere ambiziosi dipende solo da noi, il modo con cui vogliamo raggiungere queste ambizioni dipende da noi, mentre ottenere queste ambizioni a volte può non dipendere da noi perché possono esserci degli ostacoli. A volte il calcio è così drammatico che un episodio può rovinarti il lavoro di un’intera settimana, ma a volte sarà contro e a volte sarà a favore..”.

La sua presenza fisica a bordocampo dopo la squalifica potrà aiutare i ragazzi a San Siro?So bene che ho causato dei problemi ai miei calciatori facendomi espellere. Quando mi manca qualche calciatore io mi sento a disagio perché vorrei averli tutti vicino a me, e per loro vale l’inverso. Non ho fatto la cosa giusto e ho penalizzato la squadra nelle ultime due partite, per questo sono il primo responsabile degli ultimi risultati”.

E’ stato cedudo Manolas, pensando all’infortunio di Koulibaly è d’accordo che adesso c’è una mancanza nella rosa? Quella di Manolas è una storia che riguarda il rapporto tra il calciatore e la società, ma come ho detto prima è con quelli che ci sono possiamo ambire a vincere la partita, quindi di Manolas non parlo. Aver visto il ragazzo felice alla presentazione con l’Olympiakos mi rende felice per lui, mi fa piacere. Noi abbiamo delle necessità perché le insidie sono sempre dietro l’angolo, ma queste valutazioni le farà la società. La rosa del Napoli mi piace in tutti i petali, è chiaro che se l’asciughi da qualche parte manca qualcosa e bisogna ricomporla ma per adesso il mercato è chiuso”.

Domani chi c’è e chi non c’è? Facciamo prima a dire chi non è convocato: Mario Rui domani non ci sarà, così come Fabian Ruiz, Insigne, Osimhen e Koulibaly”.

14.33 – Che Milan si aspetta domani? L’Inter sembra già in fuga… Mi aspetto il Milan degli ultimi due anni, evidenziando un grandissimo lavoro fatto da Pioli. In questo lungo tratto hanno avuto un trend impressionante, facendo vedere qualità assolute sia come squadra sia come scelte dei singoli calciatori. Non voglio andare a giocare contro squadre che hanno momenti di difficoltà, ma voglio giocare contro squadre forti perché credo anche io che il Napoli è una squadra forte. Non ho bisogno di peggiorare gli altri per esibire la nostra forza e la nostra qualità. Col Milan dobbiamo provare a giocare la partita, il Vesuvio a San Siro non deve essere una cartolina di Napoli, dobbiamo averlo dentro di noi!”.

Insigne ha detto di aver avuto screzi coi tifosi in passato, che carattere ha Lorenzo? “Solo un allenatore che ha perso il senno potrebbe decidere di rinunciare alle qualità di Insigne. Lui è anche un buon capitano, mi sono trovato bene con lui sin da subito e mi è sembrato in grande sintonia con la figura che di lui mi ero immaginato da fuori. Lorenzo è un calciatore che ha un cuore, lo ha dimostrato anche ad Empoli quando voleva giocare dall’inizio e ha giocato 70 minuti pur avendone 20 nelle gambe. In quel caso ho sbagliato io perché ho rischiato approfittando della sua disponibilità”.

La squadra ha mantenuto buoni volumi di gioco ma è venuta meno in alcune scelte nell’ultimo periodo… Nella partita con l’Empoli, come stavo raccontando, c’è stata la mia assenza per l’espulsione e la squadra ha perso qualche palla di troppo. E’ stata la partita nella quale abbiamo perso più palloni da inizio campionato, anche i ragazzi lo sanno come lo so io. I palloni e i contrasti persi sono singoli errori, ma le partite perse sono la sommatoria di diversi errori e dell’atteggiamento della squadra”.

La stagione del Napoli può cambiare a San Siro, cosa chiede ad una squadra che ha smesso di fare benissimo ciò che sapeva fare? “Secondo me non ha smesso, in alcuni momenti lo ha fatto a tratti. Quando parlo alla squadra dico sempre le cose che sento realmente e quando vado ad allenare lo faccio come se fossi per sempre il tecnico di questi ragazzi. Io sono convinto che nelle ultime partite abbiamo sbagliato qualcosa, ma abbiamo fatto anche tante cose per bene e da un punto di vista di episodi siamo in credito con la sorte. Non è detto che domani questo credito ci venga risarcito, ma dobbiamo andare oltre la fatica e oltre questi momenti in cui non tutte le cose ci riescono. Dobbiamo tenere ancora più duro…”.

14.45 – Terminata la conferenza stampa di mister Spalletti!

Articolo precedenteCdM – Napoli, prosegue la ‘lotta’ al Covid: terza dose per il Gruppo squadra
Articolo successivoCdM – Pochi goal e mancato accordo sul contratto: la stagione di Insigne si sta mettendo male