Repubblica – Liguori: “Io pedina per una plusvalenza nell’affare Osimhen…”

    L’edizione odierna de La Repubblica riporta delle dichiarazioni rilasciate da Luigi Liguori.

    L’ex attaccante del Napoli si è soffermato sull’operazione Osimhen, svelando un retroscena in merito alla trattativa compiuta. Tre calciatori venduti al Lille in cambio del centravanti nigeriano, pagato 70 mln di euro. Tra questi, il profilo di Liguori.

    Le parole di quest’ultimo: “Non siamo mai andati a Lille. Hanno mandato i contratti a Napoli e abbiamo firmato a Castel Volturno. A quel punto abbiamo chiesto di poter restare un altro anno in Italia in prestito. Avevo già la squadra, a Fermo mister Antonioli mi voleva a tutti i costi. Ho fatto sei mesi alla Fermana e poi sono andato a Lecco. Quando è finito il prestito, il Lille mi ha mandato una comunicazione dicendo che il 1° luglio dovevamo essere da loro. Tutti e tre”.

    In seguito, dichiara: “Giocavo in prestito alla Fermana, in Serie C. A giugno mi chiamò il Napoli e mi disse di andare a Castel Volturno per parlare. Siamo andati io e il mio procuratore, la società ci ha offerto due opzioni: potevo rinnovare per un anno e restare, o accettare di andare al Lille e firmare per tre anni, entrando nell’operazione Osimhen. Ne ho parlato con il mio agente e ho accettato. Il 30 giugno abbiamo firmato con il Lille.

    In merito alla sua carriera dice: “Questa situazione ha pesato molto. Abbiamo scoperto che non era un’operazione fatta per noi, per il nostro futuro. Era per altro”.

    Articolo precedenteCdS – Mercato Napoli: Manolas potrebbe andar via, si pensa al sostituto
    Articolo successivoDalla Francia – “La Coppa d’Africa potrebbe essere annullata, i motivi…”