CdM – Un rapporto che sembra indissolubile: la richiesta dei calciatori ad ADL

    Un Napoli che è rinato dalle macerie, segna e produce gioco, diverte e finalmente ingrana. Numeri tutti a favore degli azzurri, 14 punti in più rispetto allo scorso campionato, in gol ci vanno quasi tutti e le prestazioni sono nettamente migliorate. Nonostante quindi le tensioni e le infinite voci che attorniano Gattuso, il suo lavoro sin qui sembra raccogliere i frutti, tuttavia una riconferma o comunque un ricucimento di quel rapporto strappatosi ad inizio 2021 sembra – quasi – impossibile. Ebbene sì, perchè nonostante l’ambiente ami e ammiri Ringhio dal primo giorno in cui è arrivato, una sua permanenza sulla panchina azzurra sembra veramente fantascienza, alla luce ovviamente dei fatti a tutti ben noti e che forse neanche dovevano essere tali.

    Con il presidente la tregua è sembrata più un accordo di pace, per non rendere ancor più la situazione complicata, considerato soprattutto il rapporto con la squadra. Infatti sappiamo tutti il legame, forte, che si è creato nello spogliatoio azzurro fra giocatori e allenatore, e gli abbracci dopo ogni gol sono molto significativi e incidenti. A sottolinearlo questa mattina è il Corriere del Mezzogiorno, che scrive come appunto questa squadra sia cresciuta insieme al proprio allenatore tanto da instaurare un rapporto familiare. Il quotidiano inoltre scrive anche che questa chimica e questo affetto fra le componenti sembra quasi viscerale, a tal punto che proprio il gruppo squadra vorrebbe chiedere la riconferma di Gattuso anche per la prossima stagione.

    Le voci di un cambio nelle scorse settimane si sono fatte anche molto insistenti, ma nonostante tutto questo gruppo non si riconosce tale senza il proprio condottiero, arrivato circa un anno fa, riuscendo a portare il Napoli in Europa a fronte di una stagione disastrosa, conquistando anche una Coppa Italia. Questa stagione, di certo deludente sotto tanti punti di vista, il bilancio non è del tutto positivo, ma questo legame e questo affetto fra allenatore e calciatori dimostra che qualcosa di sano è stato costruito e che forse, un altro patto – sta volta d’amore – potrebbe essere stipulato.

    Articolo precedenteOsimhen, il supereroe del Napoli: ADL non ha sbagliato neanche stavolta
    Articolo successivoCaiazza: “Spalletti sarà il nuovo allenatore del Napoli con ogni probabilità”