CdS – SuperLega, ADL osserva e resta in silenzio: otto anni fa ebbe un’idea simile alla nuova competizione

    Nel caos della SuperLega manca il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis. Ieri, in riunione Lega, il patron azzurro ha preferito isolarsi dai toni accesi dell’incontro, ma, in tempi non sospetti, fu lui stesso promotore di un nuovo progetto di restyling del sistema calcistico italiano. Ne parla l’edizione odierna de Il Corriere dello Sport:

    “Aurelio De Laurentiis «studia» quest’evoluzione annunciata da lui in epoca non sospetta ed osserva. Otto anni fa, prima che la svolta di domenica sera si realizzasse e venisse resa nota con un comunicato stampa, Adl si era lanciato, con un progetto di restyling ampio e che contemplasse la modernizzazione del sistema calcistico italiano: «I campionati a venti squadre vanno riformati e ridotti a sedici club. Questo è un calcio vecchio, vanno lanciate nuove idee, per esempio una Superlega a cui far partecipare le prime cinque dei principali tornei nazionali. Bisogna evolversi avendo rispetto dei tifosi però in Italia siamo in ritardo rispetto agli altri grandi Paesi». Ora se ne sta alla finestra e scruta il mutamento, evitando commenti”.

    Articolo precedenteCdS – SuperLega, le risorse economiche non saranno investite sul mercato: la divisione degli introiti
    Articolo successivoCLAMOROSO – SuperLega, il Napoli è stato contattato per entrare nella competizione: i dettagli