“Un regalo sotto l’albero: il calciatore che vorrei, al primo posto”

    Bentornati all’ultimo episodio della rubrica “Un regalo sotto l’albero: il calciatore che vorrei”. Quest’oggi parleremo di un altro talento che potrebbe fare le fortune del Napoli.

    Il calciatore che vorrei arriva dall’Eredivise, campionato olandese, da sempre un concentrato di talenti. Uno dei quali ci ha particolarmente colpito: stiamo parlando di Ryan Gravenberch, centrocampista dell’Ajax, 17 anni ( classe 2002!!!).

    Ryan Gravenberch è uno dei talenti olandesi in rampa di lancio: il classe 2002, è cresciuto nell’Ajax e, di recente, è stato accostato a Juventus e Barcellona. Gravenberch di solito è titolare nel 4-3-3 disegnato dal tecnico ten Hag, che dal suo arrivo in quel di Amsterdam ha lanciato diversi profili interessanti. D’altronde, dopo aver sfiorato la finale di Champions League due anni fa, l’Ajax è stata quasi costretta a rinnovarsi. Gravenberch fa parte della generazione successiva ai de Ligt, de Jong e van de Beek, col quale ha legato molto lo scorso anno condividendo non solo esperienze di campo, ma anche di vita.

    Il centrocampista olandese, tra i più precoci degli ultimi anni ad affermarsi, parte spesso come interno destro di centrocampo, ma le sue caratteristiche, come ampiamente dimostrato nell’ultima stagione, gli permettono di essere efficace in entrambe le fasi di gioco. Per ten Hag è un’opzione importante: “Ho tante soluzioni in mezzo, Gravenberch lo tengo molto in considerazione”.

    Il suo fisico statuario ha portato gli addetti ai lavori a paragonarlo a Paul Pogba. Lui, semplicemente, con il francese ha deciso di condividere il procuratore, affidandosi a Mino Raiola. Per il resto, il suo è un profilo abbastanza completo: alto 190 centimetri, partecipa attivamente alla fase offensiva con inserimenti senza palla ma, contestualmente, si spende per la squadra quando c’è da lottare. Deve trovare solo un po’ di continuità, ma ci si può lavorare.

    Destro naturale, abbina una tenuta fisica top a doti atletiche e dinamiche di primissimo ordine. The Hag lo dosa, a oggi, Gravenberch ha messo insieme 12 presenze in campionato con 1 gol e 4 assist all’attivo. In Champions invece sono 6 le presenze con 1 rete. L’Ajax sa di avere tra le mani una pepita d’oro: il suo valore di mercato è alto, serviranno tanti soldi per portalo via da Amsterdam. Ma Ryan Gravenberch ad oggi ha già scritto il suo futuro: imporsi nell’elitè del calcio europeo.

    Ryan Gravenberch
    Articolo precedenteI migliori acquisti azzurri del 2020: Al quarto posto…
    Articolo successivoAcquisti Mancati: la top 5 dei non acquisti del Napoli