PAGELLE MN – Hysaj superlativo, male Milik, che bellezza la catena di sinistra!

Si è concluso il match tra Napoli e Sassuolo con il risultato di 2-0.

Squadre dopo 45’ sull’1-0 in favore dei padroni di casa grazie alla prima rete in azzurro di Elseid Hysaj, con però due reti annullate al Sassuolo, entrambe a Djuricic ed entrambe per fuorigioco.

Secondo tempo che vede i neroverdi più propositivi del Napoli, infatti trova la rete altre due volte con Caputo e Berardi. La fortuna però non è dalla loro parte e per colpa di altri due offside rimangono ancora a secco.
Allan poi decide nel finale con la rete che porterà al definitivo 2-0.

Di seguito, le pagelle di Mondo Napoli:

Ospina 6 – Prima volta nella storia che un portiere recupera il pallone dal fondo della rete per quattro volte, mantenendo però la porta inviolata. Buona prestazione del colombiano, qualche colpa sul gol di Caputo che tira sul suo palo, ma gol che poi è stato annullato.

Di Lorenzo 6- – Buona partita sull’out di destra per Giovanni Di Lorenzo, non chiamato molte volte in causa ma sempre presente. Qualche sbavatura di troppo su Traorè e la poca partecipazione alla manovra offensiva, però, sono da sottolineare.

Manolas 6 – Fa una buona gara, spesso grazie alla sua velocità anticipa gli avversari e aiuta la squadra. Prende un brutto scivolone su uno dei gol annullati, poi esce, ancora una volta, per infortunio. (Dal 60’ Maksimovic 6- – Perde un brutto pallone in occasione del gol di Berardi, poi annullato. Per il resto del match, tiene la posizione e aiuta a mantenere la porta inviolata).

Koulibaly 6.5 – Qualche errore a inizio partita per il senegalese, che però si riscatta e gioca un’ottima partita, dando continuità al suo grande periodo di forma.

Hysaj 7 – Dopo 193 partite, è arrivata la prima rete in maglia azzurra per Elseid Hysaj, e che rete! Il terzino albanese dopo il gol sembra indemoniato, si prende la scena sulla fascia sinistra dove fa un ottimo lavoro offensivo, strano per uno come lui noto per essere più un terzino di contenimento che di spinta. Nel secondo tempo spinge di meno ma sfiora l’assist per Politano. Che dire, complimenti Elseid!

Fabian Ruiz 6 – Partita attenta dello spagnolo, sempre pronto a guidare il pressing sulla costruzione dal basso del Sassuolo e ad essere il motore dei contropiedi azzurri. Qualche imprecisione e un po’ di lentezza nel giocare il pallone, aspetto sul quale lo spagnolo può lavorare tanto. (Dal 79’ Allan 6.5 – Entra per coprire e mantenere il risultato, si trova a siglare la rete del 2-0 che chiude definitivamente il match. Ottimi 15 minuti del brasiliano).

Lobotka 5.5 – Partita un po’ sottotono per il centrocampista slovacco che non riesce mai a verticalizzare come è solito fare. Soffre molto il pressing degli uomini di De Zerbi e non incide come Gennaro Gattuso vuole.

Zielinski 7 – Partita sensazionale del numero 20, che ancora una volta manca la perfezione per non aver trovato la rete. Smistamenti, dribbling, movimenti a portare via l’uomo: Zielinski è stato uno dei migliori in campo. E se fosse entrato quel tiro al 46’! (Dal 79’ Elmas 6 – Entra bene in campo, prova una conclusione da fuori parata facilmente da Consigli).

Callejon 5.5 – Meglio in copertura che in fase offensiva, dove non è molto preciso nel concludere i bei palloni offerti da Insigne&Co. Riesce comunque a dare il suo contributo sfruttando i punti deboli di Rogerio che lo ha perso più volte alle spalle. (Dal 67’ Politano 6 – Entra bene anche Matteo Politano, che aiuta gli azzurri nell’azione che porterà Allan a siglare il 2-0 non prima di aver colpito il palo, ennesimo dell stagione del Napoli).

Milik 5 – Anche oggi non riesce ad incidere nel match. Mai decisivo, scelte spesso sbagliate e occasioni sprecate. Male. (Dal 67’ Mertens 6+ – Entra, viene ammonito per un fallo di ostruzione e salterà la prossima sfida contro l’Inter. Unica nota negativa, visto che ha poi realizzato l’assist per la rete del 2-0).

Insigne 7- – La catena di sinistra ha fatto un’ottima partita e il capitano del Napoli è parte dell’ingranaggio che ha funzionato molto bene insieme a Hysaj e Zielinski. Si sacrifica molto anche in fase difensiva, dove aiuta la squadra a uscire dal pressing neroverde con giocate di alta classe che sono nelle corde di pochi calciatori: Lorenzo Insigne è uno di questi.