Ufficiale – Uefa, Barcellona-Napoli si giocherà al Camp Nou

    Confermate le sedi degli ottavi di finale della Champions League e dei sedicesimi di Europa League. Infatti con un comunicato suil proprio sito ha comunicato che gli ottavi e i sedicesimi di ritorno si giocheranno negli stadi delle sqaudre ospitanti. Barcellona-Napoli si giocherà quindi al Camp Nou e Juventus-Lione all’Allianz Stadium di Torino. Qui per il comunicato ufficiale:

    Oggi il Comitato Esecutivo UEFA ha preso diverse decisioni in merito alle competizioni UEFA e le decisioni chiave prese sono elencate di seguito:

    Luoghi per la stagione 2019/20 di UEFA Champions League e UEFA Europa League Round of 16

    Coerentemente con il principio dell’equità sportiva e considerando le condizioni attuali – tutti i club che devono giocare in casa la tappa di ritorno del Round di 16 stanno attualmente giocando le restanti partite dei loro campionati nazionali nei propri stadi e che viaggiare è possibile senza restrizioni per i club ospiti – il Comitato Esecutivo UEFA ha deciso che le rimanenti partite di andata e ritorno di UEFA Champions League e UEFA Europa League di 16 partite di andata si giocheranno negli stadi delle squadre di casa.

    Come già comunicato a giugno, i legami tra FC Internazionale Milano e Getafe CF e Sevilla FC contro AS Roma, la cui prima tappa è stata anche rinviata, saranno giocati come una singola tappa in Germania.

    La UEFA continuerà a monitorare la situazione e si riserva il diritto di riassegnare tali incontri ai luoghi del torneo finale della competizione in questione qualora si verifichino nuovi eventi che renderebbero impossibile giocare una o più partite nei luoghi originali.

    Le rispettive liste degli incontri verranno comunicate dopo i sorteggi di domani presso la sede della UEFA a Nyon.

    Partite a porte chiuse

    Il 17 giugno 2020, il Comitato Esecutivo UEFA ha deciso di rinviare la decisione se le prossime partite UEFA sarebbero state in grado di accogliere i tifosi o avrebbero dovuto essere tenute a porte chiuse, al fine di monitorare l’evoluzione della situazione e le misure adottate da autorità locali su raduni di massa e partecipazione a manifestazioni sportive.

    Numerosi elementi sono stati presi in considerazione dalla UEFA nel prendere una decisione, come la protezione della salute di tutti coloro che sono coinvolti nelle partite e del pubblico in generale; la responsabilità di fornire l’ambiente più sicuro per le partite al fine di garantire lo svolgimento delle competizioni; oltre a garantire l’equità sportiva in un panorama molto incoerente (con alcuni paesi che consentono e alcune proibizioni di partecipazione allo stadio).

    Di conseguenza, alla luce della situazione attuale, il Comitato Esecutivo UEFA ha ritenuto prudente concludere che le partite UEFA dovessero svolgersi a porte chiuse fino a nuovo avviso. Questa decisione è stata presa in accordo con le federazioni e le autorità nazionali della UEFA Champions League 2019/20, la UEFA Europa League 2019/20 e la finale degli otto tornei della UEFA Champions League 2019/20 ospitano Portogallo, Germania e Spagna. Questa restrizione si applicherà anche alle rimanenti partite della UEFA Youth League 2019/20.

    In ogni caso e indipendentemente da qualsiasi decisione futura, per motivi di equità sportiva, in quanto il formato della fase di UEFA Champions League 2020/21 e della fase di qualificazione della UEFA Europa League 2020/21 è stato modificato in partite di andata e ritorno (a casa o fuori) , questa decisione si applicherà a tutte queste partite giocate su una tappa.

    La UEFA monitorerà l’evoluzione della situazione e consiglierà su qualsiasi revoca totale o parziale delle restrizioni al momento opportuno.”