Gattuso: “Manca la continuità di battagliare. Voglio due Napoli! Vi spiego”

    Inter-Napoli, semifinale di Coppa Italia, termina 1-0 per gli azzurri. Il gran gol di Fabian Ruiz porta alla vittoria il Napoli di Gattuso, che ora ha un leggero vantaggio da sfruttare in vista del ritorno. Proprio l’allenatore azzurro è intervenuto ai microfoni Rai al termine del match:

    Partita perfetta sul piano dell’organizzazione difensiva: “Noi dobbiamo continuare così. Bisogna coprire più palla, giocare sulle due fasi ed oggi la squadra ha fatto proprio questo. Quando giochi con una squadra forte bisogna rispettarla e metterci qualcosa in più, proprio quello che ci sta venendo a mancare. Complimenti ai miei ragazzi. Voglio vedere sempre questo atteggiamento, così la qualità viene fuori. Ciò che proviamo in allenamento, deve essere messo in campo. Mancano ancora tante partite, voglio vederli sempre così”.

    Siete riusciti a limitare tantissimo Lukaku e Martinez, qual è stata la chiave tattica della partita? “È una squadra forte, abbina fisicità e tecnica. Dopo è normale che bisogna oscurare i loro due attaccanti, ci lavorano molto. Ma è una squadra completa, non a caso è a pari punti con la Juventus”.

    Napoli alla Gattuso per l’atteggiamento avuto? “Abbiamo anche palleggiato bene nel primo tempo. Potevamo affondare di più. Nel secondo abbiamo sbagliato tanto all’inizio, l’Inter ci veniva con veemenza addosso. La squadra non ha continuità di battagliare per una serie di partite ma il palleggio ce l’ha. Dobbiamo migliorare in fase di non possesso, perdiamo le partite per questo motivo”.

    Batti le prime tre in classifica, ma poi con il Lecce accade il contrario. Come si spiega? “Non possiamo sottovalutare nulla. Contro il Lecce abbiamo subito gol con 8-9 giocatori dietro la linea della palla. Poi se sei lì e ti comporti come una sagoma, pensando che il compagno ci metta una pezza non va bene. Dobbiamo migliorare su questo, altrimenti con questa fase difensiva non andiamo da nessuna parte”.

    Napoli meno bello e più concreto, preferisci questo? “Voglio due Napoli, uno in fase di non possesso e uno in fase di possesso. Abbiamo le qualità per palleggiare e far correre gli avversari, ma dobbiamo correre anche noi quando non abbiamo palle. Da quando sono qui ho sempre la sensazione di prendere gol ogni volta che saltano la prima pressione e si mettono nella nostra metà campo. In 6-7 anni di carriera, è la prima volta che mi capita”.

    Insigne come sta? “Non era a disposizione nonostante fosse in panchina, ma ha solo un po’ il ginocchio gonfio. Anche Koulibaly non si sentiva al 100%. Spero di recuperarli al più presto, sono importanti per noi”.

    Lo fai un sorriso? “Non c’è nulla da sorridere, dobbiamo pedalare. Non abbiamo fatto niente ancora”.