Il Mattino – Genny la carogna, il verbale è una bomba: le ultime

    L’edizione odierna de Il Mattino scrive alcuni stralci delle parole di Gennaro De Tommaso, detto ‘Genny la carogna’, boss dei ‘mastiffs’, condannato a 18 anni di carcere, ed ora collaboratore di giustizia. Sarà un verbale bomba, stando alle accuse lanciate a boss, e anche dirigenti del Calcio Napoli, che ha spinto la Procura di Napoli ad aprire un dossier apposito. Le parole di Genny la carogna:

    “Ho avuto contatti con Formisano per avere una corsia preferenziale sull’acquisto di 1200 biglietti, circa, per le partire di Champions ed Europa League per le due curve. Precisando, però, che abbiamo sempre pagato“.

    “Questa è una circostanza, su cui è stato ascoltato anche lo stesso Formisano. Ricordo che mi disse di essere stato chiamato dalla Procura, smentendo però, il trattamento di favore e confermando la linea societaria riguardo il tener alla larga gruppi facinorosi”.

    Ieri Formisano, sentito dal Mattino, ha deciso di non commentare. Anche se, da dati oggettivi, è parsa evidente una cosa: i biglietti sono stati realmente venduti dai botteghini, tranne che in un certo periodo. La società azzurra, poi, ha concordato con la Questura altre modalità per la vendita dei biglietti. Come chiariscono i legali del Napoli, conclude il Mattino, “esiste una vigilanza della Digos sulla vendita dei tagliandi che rende impossibile privilegiare qualsiasi tipo di persona o canale o creare monopoli organizzati”.