Napoli, capitolo portieri: continuano ad emergere nomi tra false notizie e realtà

    Dopo l’addio di Reina, che andrà al Milan, in orbita Napoli è partito il classico listone di possibili sostituti tra nomi reali e fantasiosi. Cerchiamo di fare un po’ il punto: l’obiettivo principale è Leno del Bayer Leverkusen che pare già sia stato contattato dagli azzurri e che è un nome forte per questa sessione di mercato poiché ha sempre espresso la volontà di fare il titolare. Un altro nome serio è quello di Mattia Perin che però non convince dal punto di vista fisico visti i tanti infortuni ma è tra i papabili. Kepa, invece, è uno di quei nomi che si allontanano di più dalla realtà poiché la sua clausola è di 80 milioni e l’Athletic Bilbao non lo lascerà partire per poco. Bisogna capire per quanto potrebbe partire ma se Leno si potrebbe prendere (per la clausola sempre) intorno ai 30 milioni, allora l’estremo difensore degli spagnoli saluterebbe solo per una cifra più alta. La dirigenza partenopea non può che chiedersi se ne vale effettivamente la pena, tra i due, e la risposta probabilmente sarà negativa. Altri nomi sono quelli di Sergio Rico Rui Patricio che sono strade percorribili ma per adesso si tratta di banali sondaggi. I nomi, invece, di portieri giovani come Meret Lafont sono complementari all’acquisto di quello che sarà il primo portiere e quindi difficilmente verranno presi per essere titolari. Potrebbero essere presi e girati in prestito se non accettano la panchina altrimenti potrebbero essere i secondi poiché ricordiamo che oltre Reina anche Sepe e Rafael saluteranno a fine stagione. Ultimo nome è quello di Alisson ma su questo preferiamo glissare dicendo che è impossibile. Sia perché la Roma non lo cede ad un concorrente, che per il prezzo ed anche perché pare che sia ambito dal Real Madrid.

    Articolo precedenteFOTO – Mertens ieri a Cena con Kat: sono andati in una pizzeria molto famosa
    Articolo successivoL’agente FIFA D’Ippolito rivela: “Proposi Dybala al Napoli quando costava 2 milioni, Bigon se lo lasciò sfuggire…”