Il punto sul campionato: questa la situazione ad un terzo della Serie A

Ieri si è conclusa la 12esima giornata di Serie A, l’ultimo turno di una serie di partite pesantissime, per il Napoli e non solo, che finalmente interrompe un tour de force per le squadre impegnate nelle competizioni internazionali per lasciare spazio alle Nazionali. La stanchezza è emersa un po’ per tutte le grandi o quasi: gli azzurri inchiodano a Verona, la Juventus passa in svantaggio contro il Benevento e vince soffrendo in rimonta, l’Inter viene fermata dal Torino mentre la Roma sembra essere indubbiamente la squadra più in forma delle pretendenti al titolo. In questa settimana non ci occuperemo della Lazio poiché i bianco-celesti non hanno potuto disputare la loro partita contro l’Udinese causa maltempo. Occhio però che nel prossimo turno c’è il derby di Roma mentre per le altre big si presentano tutti match niente affatto semplici poiché Napoli, Juventus ed Inter affronteranno rispettivamente MilanSampdoria Atalanta con gli azzurri e nerazzurri che giocheranno in casa ed i bianconeri a Genova. Campionato bello come non accadeva da tempo e 5 squadre in 5 punti

NAPOLI – Durissime le fatiche patite dal Napoli contro il Manchester City nell’ultimo turno di Champions: gli azzurri, a detta di Sarri, non volevano perdere ad ogni costo ed hanno usato molte più energie del solito e questo si è visto ampiamente nel match contro il Chievo. Questa volta la stanchezza non è stata mentale, bensì fisica. Per fortuna, però, adesso c’è la sosta delle Nazionali e verranno convocati in impegni effettivamente dispendiosi solo coloro i quali dovranno disputare i match valevoli per la qualificazione a Russia 2018 come per esempio l’Italia (Insigne e Jorginho). La speranza è quella di rivedere gli azzurri difendere come fatto al Bentegodi ma attaccare con la fantasia ed imprevedibilità di sempre al rientro nonostante le ultime partite abbiano lasciato strascichi sia fisici, che psicologici non indifferenti per non citare gli infortuni di due pedine difficilmente sostituibili come Milik ma soprattutto Ghoulam. Ora c’è il Milan che dopo un bel 0-2 sul Sassuolo continuerà ad affidarsi a Montella. Prossimo match degli azzurri: Napoli-Milan, sabato 18/11 h20:45. Gol fatti: 32 – Gol subiti: 8; secondo miglior attacco e seconda miglior difesa e miglior differenza reti con la Juventus. Punti: 32, POSIZIONE: 1

JUVENTUS – Disse Allegri qualche settimana fa che avrebbe vinto la miglior difesa ma la sua Juventus continua a prendere gol persino dall’ultima della classe che sfrutta un errore clamoroso del secondo portiere Szczesny che posiziona male la barriera e si fa infilare dall’uomo migliore dei sanniti Amato Ciciretti. In seguito sono Higuain prima e Cuadrado poi a salvare la Vecchia Signora ma la squadra torinese sembra non essere ancora in gran forma come si nota anche dall’andamento in Champions League. Per ora a preoccupare è il momento no di Dybala e la fragilità della difesa che adesso è solo la quarta del campionato. Prossimo match dei bianconeri: Sampdoria-Juventus domenica 19/11, h 15. Gol fatti: 35 – Gol subiti: 11; miglior attacco e quarta miglior difesa. Miglior differenza reti assieme al Napoli. Punti: 31. POSIZIONE: 2

INTER – I nerazzurri subiscono gol nel difficile match contro il Torino e come era prevedibile vanno in difficoltà, complice anche la grande prestazione dei granata. Resta comunque buona la prestazione della squadra di Spalletti che riesce a trovare il pareggio con una buona azione finalizzata da Eder. Il gioco continua a non essere spettacolare e la forza della squadra resta la difesa con l’attacco che ha il solo compito di finalizzare quanto può e portare la squadra a conquistare bottino pieno senza la necessità di proporre un calcio eccessivamente offensivo. Vedremo quanto reggerà la squadra milanese con questo tipo di gioco oppure se verrà migliorata la qualità della manovra. Prossimo match dei nerazzurri: Inter-Atalanta, domenica 19/11 h 20:45. Gol fatti: 23 – Gol subiti 9; quinto miglior attacco e terza miglior difesa. Punti: 30. POSIZIONE: 3

LAZIO – I biancocelesti vengono dal successo contro il Nizza in Europa League, stanno attraversando un momento d’oro proponendo un bellissimo calcio e non hanno sicuramente intenzione di fermarsi. Hanno riposato nell’ultimo turno poiché la partita contro l’Udinese è rinviata a data da destinarsi. Ora li attende un accesissimo derby. Prossimo match dei biancocelesti: Roma-Lazio, sabato 18/11 h 18. Gol fatti: 31 – Gol subiti 12; terzo miglior attacco e quinta miglior difesa. Punti: 28 (con una partita in meno). POSIZIONE 4

ROMA – Sicuramente la squadra più in forma delle pretendenti al titolo, la squadra di Di Francesco nell’ultimo turno ha deciso di rinunciare a difendere e tornare ad essere una squadra spettacolare. Pirotecnico 2-4 contro la Fiorentina che ha visto la squadra capitolina farsi recuperare 2 volte e tornare avanti senza problemi fino a chiuderla con Perotti. Inoltre adesso c’è anche una stella in più in avanti ovvero Gerson: il brasiliano ha siglato una doppietta da capogiro che gli permette di scalare prepotentemente gerarchie nel tridente offensivo. Adesso i giallorossi, dopo un inizio titubante, sono un vero e proprio pericolo, vedendo anche il sontuoso andamento in Champions che li sta vedendo sovrastare squadre come Chelsea Atletico Madrid, e non finisce qui: la forza di questa squadra sembra poter essere la profondità della rosa che propone numerose alternative di livello all’allenatore, ora la Roma rappresenta una mina vagante per chiunque ed ha la rosa per sopportare le tre competizioni. Complimenti a Di Francesco che prima mettendo a posto la difesa (la migliore del campionato) e ora regalando un po’ di spettacolo ai suoi tifosi, sta mettendo su una squadra che può regalare sorprese. Ora però c’è un durissimo derby che si preannuncia match atteso ed equilibrato come non mai. Prossimo match dei giallorossi: Roma-Lazio, sabato 18/11 h 18. Gol fatti 21- Gol subiti 7; sesto miglior attacco a pari merito con la Fiorentina e miglior difesa. Punti: 27 (con una partita in meno da recuperare contro la Sampdoria). POSIZIONE: 5