Verso Chievo-Napoli, ecco gli avversari degli azzurri

    All’incirca 4 mesi dopo Napoli e Chievo si rincontrano su un campo da calcio in una sfida che per gli uomini di Rafa Benitez ha un sapore particolare, infatti dopo la sconfitta immeritata dell’andata tra le mura amiche del San Paolo, l’intera rosa a disposizione del tecnico spagnolo vuole prendersi una rivincita contro la squadra gialloblu.

    E’ cambiato molto da quel pomeriggio di settembre: in primis è tornato al goal il centravanti degli azzurri, l’uomo simbolo, Gonzalo  Higuain che addirittura in quel match fu protagonista di un rigore ben calciato ma parato dal giovane e talentuoso Francesco Bardi, il quale ha successivamente ceduto il posto per scelta tecnica al più esperto Bizarrri. Quel giorno il portiere proveniente dalle giovanili dell’Inter fu autentico eroe di quella impresa firmata e chiusa da una ripartenza messa a segno da Maxi Lopez. Come già detto molto è cambiato da quel giorno e lo stesso attaccante che decise la sfida oggi ha lasciato Verona per trasferirsi alla corte dell’allenatore Ventura al Torino. I tre punti ottenuti a fuorigrotta furono l’apice per la stagione deludente condotta dall’ex tecnico veronese Eugenio Corini, il quale è stato esonerato e sostituito da Riccardo Maran.

    Anche con la nuova guida tecnica la squadra veneta fino ad oggi ha continuato ad avere difficoltà e non a caso occupa il diciottesimo posto in classifica, ossia l’ultimo valido per la retrocessione in Serie B. Con l’avvento del nuovo coach la squadra è passata a un impostazione tattica col 4-4-2 molto compatto e pronto a sfruttare le ripartenze sugli esterni per cercare un cross giusto per i due attaccanti: Paloschi e Meggiorini. Autentico valore aggiunto rispetto all’inizio della stagione per il nuovo tecnico è stato il riutilizzo di Sergio Pellissier, lo storico capitano dei clivensi in poco tempo è passato da inutilizzato a jolly da inserire a partita in corso e proprio grazie a lui che è arrivata la prima vittoria della gestione Maran contro il Cesena con una sua doppietta. Tra le linee difensive ritroviamo anche un ex Napoli, Gamberini, il quale non ha lasciato grandi ricordi ai tifosi partenopei ma che nei suoi due anni di militanza assurda si è contraddistinto per serietà e professionalità, prima di trasferirsi a Genova sponda rossoblu e successivamente a Verona.

    PROBABILE FORMAZIONE CHIEVO (4-4-2) Bizarri, Zukanovic, Gamberini, Cesar, Biraghi, Birsa, Izco,Radovanovic, Hetemaj, Meggiorni, Paloschi.

    Nonostante il risultato d’andata il Napoli è il favorito per la vittoria finale data la differenza di valori tecnici delle due rose, inoltre la squadra gialloblu ha attraversato molti problemi quest’anno nelle partite casalinghe ottenendo solo 1 vittoria, 4 pareggi e 5 sconfitte per un totale di 7 punti, peggio hanno fatto solo Cesena e Parma. Un altro dato significativo è il numero di reti realizzate nelle partite casalinghe da Pellissier e compagni che si ferma a 7, nessuno in Serie A ha fatto di peggio.